Angaangaq ItaliaAngaangaq Angakkorsuaq, sciamano, guaritore, cantastorie e portatore del Qilaut (tamburo a vento) è un Anziano degli eschimesi Kalaallit nell’alto nord della Groenlandia – Kalaallit Nunaat. Viene da una famiglia con una lunga tradizione di guaritori; fin dall’infanzia è stato preparato da sua nonna e da sua madre. Il suo nome significa “l’uomo che assomiglia a suo zio”. Nel 2004, è stato nominato dalla sua famiglia come Sciamano.

La più grande distanza nell’esistenza dell’uomo non è da qui a là o da là a qua. No, la più grande distanza nell’esistenza dell’uomo è dalla mente al cuore. Finché non conquista questa distanza, non imparerà mai a volteggiare come un’aquila e a conoscere la sua immensità interiore.

Nel 2009 adempì al suo compito di celebrare il ritorno del Fuoco Sacro in Groenlandia. Durante questa cerimonia che durò 3 giorni, Akkaaraq gli conferì il titolo “Grande Sciamano”.
“Uncle” (Zio), come viene spesso chiamato, supera i confini che separano le culture e le religioni. Il suo lavoro lo ha portato in 5 continenti e in oltre 60 Paesi del mondo, tra cui Sudafrica, America del nord, America del sud, Asia, l’Artico europeo, Russia e Siberia.

Angaangaq integra le tradizioni di guarigione e le conoscenze degli antichi insegnamenti eschimesi nei suoi cerchi, seminari intensivi e negli Aalaartiviit (le cerimonie tradizionali della capanna sudatoria). Parla in congressi e convegni su temi inerenti all’ambiente, al cambiamento del clima e ai problemi degli indigeni. Il suo impegno per l’armonia interculturale è largamente riconosciuto.

Programmi

Discorsi:
Angaangaq è un oratore conosciuto e richiesto in conferenze internazionali. Tiene discorsi in eventi e svariate occasioni: dalle università alle scuole, agli asili d’infanzia e programmi pedagogici, nelle prigioni, da simposi di medicina a congressi scientifici, da organizzazioni politiche a conferenze spirituali e religiose, da banche a incontri indigeni. In tutti i casi avviene una trasformazione, nasce una nuova comprensione, una connessione più profonda, sia che si tratti di argomenti sull’ambiente, questioni di popoli indigeni o di temi spirituali.
Il suo impegno per l’armonia interculturale è largamente riconosciuto. Gli atteggiamenti, le percezioni e le attitudini cambiano, la consapevolezza per l’ambiente viene ampliato.

Discorso al congresso della DGPPN (Società tedesca di psichiatria e psicoterapia, psicosomatica e neurologia – n.d.t.)

Discorso al congresso della DGPPN (Società tedesca di psichiatria e psicoterapia, psicosomatica e neurologia – n.d.t.

Workshops:
I Workshop con Angaangaq sono un’introduzione nel suo lavoro per sciogliere il ghiaccio nei cuori degli uomini. In solo poche ore coinvolge i partecipanti nel suo mondo che non conosce la guerra, nel suo mondo che vede la bellezza di ognuno di noi, nel suo mondo vigoroso di trasformazione personale e globale.

Al festival tradizionale dei Sami, Isogaisa, Norvegia

Al festival tradizionale dei Sami, Isogaisa, Norvegia

Seminari Intensivi:
Durante questi seminari Angaangaq ci introduce nel suo lavoro come guaritore, uomo di medicina e sciamano. Mentre, con le sue storie e i suoi canti, tesse l’energia del gruppo e lo fa diventare un cerchio forte, bello e di guarigione, il ghiaccio nei cuori dei partecipanti comincia a sciogliersi. Cominciamo a vedere il nostro mondo con occhi diversi, i nostri cuori si aprono lentamente per la bellezza dentro e intorno a noi. La nostra consapevolezza per noi stessi e per altri cresce – accade una trasformazione personale.

Angaangaq tiene Workshop e seminari secondo la tradizione groenlandese in tutto il mondo

Angaangaq tiene Workshop e seminari secondo la tradizione groenlandese in tutto il mondo

Insieme ad Angaangaq – Cerchi a lungo termine:
Essere insieme nel cerchio con Angaangaq è un’esperienza che trasforma la nostra vita. Mentre camminiamo con lui fianco a fianco, la nostra consapevolezza cresce oltre ogni nostra immaginazione. Il nostro amore per noi stessi e gli altri comincia a fluire liberamente, e il nostro essere, la nostra forza interiore rinascono.
Questo percorso dura tre anni; il gruppo si incontra con Angaangaq tre volte all’anno. Al di fuori di questi incontri il gruppo comunque vive ed è tenuto unito da una connessione energetica.
L’adesione al cerchio è possibile in qualsiasi momento.

Informazioni e registrazione:
heartspirits@icewisdom.com
Vedi Calendario degli eventi.

Insegnamenti

Il Cantastorie
La saggezza e gli insegnamenti della cultura degli eschimesi Kalaallit sono stati tramandati per millenni da una generazione all’altra tramite l’arte del raccontare storie. Con il suo racconto abile, divertente e dettagliato delle storie antiche, il cantastorie mantiene viva l’eredità spirituale e culturale che altrimenti andrebbe persa e dimenticata.

Angaangaq racconta la storia dell'Alaartiviit (capanna sudatoria groenlandese) ai Kuntanawa nell'Amazzonia
Angaangaq racconta la storia dell’Alaartiviit (capanna sudatoria groenlandese) ai Kuntanawa nell’Amazzonia

Le stagioni
“Mi ricordo come raccontavi questa storia con infinito amore, e pensavo – se solo potessi captare questo amore, ce l’avrei fatta davvero. Quante volte ci hai raccontato questa storia!”

La sassifraga a foglie opposte nella prima luce del sole. Le foglie hanno sopravissuto l'inverno a -40°C.
La sassifraga a foglie opposte nella prima luce del sole. Le foglie hanno sopravissuto l’inverno a -40°C.

La storia della primavera
Quando torna il sole e inizia la lotta contro l’oscurità dell’inverno, il suo calore vigoroso e meraviglioso comincia a sciogliere la neve e il ghiaccio, goccia dopo goccia. E’ come se le lacrime gelate di Madre Terra vengano rilasciate. Prego che tu sarai più preparato di me per sciogliere il ghiaccio nei cuori degli uomini, perché – così direbbe la nostra bis-bis-nonna – se non lo facciamo adesso, non ci sarà più nessuna estate…..
La storia dell’estate
Tua bis-bis-nonna ci ha assicurato che il tempo più vigoroso nella tua e nella mia vita è il tempo dell’estate. Si passava poco tempo in casa o nella tenda. Noi bambini trascorrevamo il tempo in campagna con gli animali neonati, li osservavamo, li conoscevamo, imparavamo chi erano e che cosa avremmo dovuto in futuro fare con questi animali meravigliosi…

La storia dell’autunno
La tua bis-bis-nonna diceva – l’autunno, col suo arrivo, dissipa il tempo dell’abbondanza e così, crea spazio per Madre Terra affinché essa possa riposare. Se non sei preparato all’autunno della tua vita, passerai l’inverno in grande disperazione…

La storia dell’inverno
Un giorno ci svegliamo da un sonno profondo e vediamo i monti coperti di neve, come se fossero invecchiati durante la notte, come se i loro capelli fossero diventati bianchi, esattamente come i nostri Anziani intorno a noi con i loro bellissimi candidi capelli.
Un momento così bello viene trasformato in una tempesta di vento a cui nessuno può resistere – che diventa sempre più forte finché niente è più visibile, sia dentro che fuori, ed è ovvio che non sai in quale direzione stai andando. Così è l’inverno nella tua vita…

Suffumigio
Suffumigio è il nome della cerimonia sacra di purificazione che viene celebrata da oltre dodici mila anni dai popoli indigeni del Nord. Questa tradizione, conosciuta anche col nome di “smudging”, può essere trovata in tutte le culture e religioni del mondo.
Con il suffumigio ci colleghiamo con una tradizione spirituale che ci è stata tramandata da innumerevoli generazioni, che è talmente antica che nessuno sa più quando è stata creata. Il suffumigio ci da la possibilità di ritrovare la saggezza delle piante e le loro specifiche qualità di guarigione, bruciandole e lavorando con il loro fumo. E’ uno strumento di purificazione molto potente che evoca lo spirito della pianta per eliminare tutto ciò che non ci appartiene e per restaurare il nostro equilibrio.

Suffumigio
La salvia bianca viene usata tradizionalmente per il suffumigio.

Quando chiediamo al fumo di venire verso di noi, toglierà contaminazioni, parole, pensieri, attitudini e atteggiamenti. Ognuno di noi può celebrare questa semplice cerimonia regolarmente per rimanere in armonia con se stesso e il suo ambiente. Così ogni spazio viene trasformato in uno spazio sacro dove possiamo vivere e lavorare, un luogo di pace, di rinnovamento, di rigenerazione.
Possiamo creare fumo per radicarci, per calmare l’atmosfera prima o dopo una cerimonia, una guarigione o iniziazione e per purificare degli oggetti sacri prima di utilizzarli. Il fumo della pianta serve per la purificazione e la preparazione spirituale. Possiamo usarlo per esprimere la nostra gratitudine, e per sostenere le nostre intenzioni e preghiere.
I gesti compiuti durante il suffumigio ci aiutano a calmare i nostri pensieri e a focalizzare il nostro intento sulla cerimonia.
Il profumo pervade il nostro odorato e approfondisce la nostra esperienza consapevole stimolando vari livelli e connessioni dentro di noi. In questo modo aprirà e permetterà alla nostra interiorità di vivere un’esperienza più ampia durante i nostri esercizi spirituali.

Suffumigio con salvia bianca a Londra.
Suffumigio con salvia bianca a Londra.

Qilaut
Il Qilaut, il tamburo eschimese, è un cerchio senza inizio né fine, un cerchio al quale apparteniamo tutti. Solo “l’Uomo -che-ci-ha-creato” – il Grande Creatore – tiene in mano il manico del tamburo, e ogni volta che tocca il bordo del tamburo, sente il battito del cuore dell’umanità. Più forte è il battito, più vitale è l’umanità.
Un’antica preghiera dice: “La mia speranza è che tutti noi abbiamo un battito forte; così tutti insieme possiamo essere sani.” Siccome è anche il tuo battito, il tuo cuore ti risponderà tutte le volte che gli parli. E’ giunto il momento per noi, per imparare ad ascoltare i nostri cuori.

 Il Qilaut – il tamburo eschimese tradizionale.
Il Qilaut – il tamburo eschimese tradizionale.